Tratto da Vegetarian Nutrition & Health Letter Vol.3 n.1, January 2000, pubblicato dalla Loma Linda University (Versione Originale)
Traduzione a cura di Giulia Rizzi e Luciana Baroni.


Sistema Immunitario e Nutrizione

di David C. Nieman, DrPH



Il Dr. David C. Nieman è professore di Scienza della salute ed educazione fisica alla Appalachian State University di Boone, N. Carolina.



L'incredibile Sistema Immunitario

Sin dalla nascita, siamo esposti ad un continuo attacco da parte di batteri, virus ed altri agenti patogeni. Senza uno "scudo" efficace, ciascuno di noi soccomberebbe presto alle malattie infettive ed al cancro. Nella lotta contro gli agenti microbici, siamo in grado di proteggerci grazie ad un complesso arsenale di misure di difesa, denominato nella sua globalità come Sistema Immunitario.

Il Sistema Immunitario è molto versatile ed è in grado di produrre un'enorme varietà di cellule e molecole in grado di riconoscere ed eliminare un'infinita varietà di invasori. All'interno del Sistema Immunitario vengono distinte due unità funzionali:

Le Cellule Immunitarie dipendono dai nutrienti assunti

Nel feto in corso di sviluppo e nei primi mesi di vita, la nutrizione svolge un ruolo essenziale per lo sviluppo del Sistema Immunitario. E' noto da tempo che i bambini malnutriti mostrano un rischio elevato di incorrere in infezioni gravi, rischiose per la vita stessa [1]. La mancanza di calorie e proteine influisce negativamente su tutti i componenti del Sistema Immunitario [1-3]. L'anoressia mentale è pure stata collegata ad un malfunzionamento del Sistema Immunitario [4].

Nel corso di tutta la vita, sono necessari determinati nutrienti per favorire una buona risposta immunitaria [2]. Zinco, Ferro, Rame, Selenio, Vitamine A, B6, C ed E svolgono tutti dei ruoli chiave nel mantenimento di funzioni immunitarie ottimali [1-3]. La maggior parte di tali nutrienti si trova soprattutto in frutta, verdura, cereali integrali, noci e semi oleosi.

Le ricerche in corso stanno focalizzandosi sul ruolo di deficienze di specifici nutrienti e di integratori dietetici sulla funzionalità del Sistema Immunitario, in una vasta gamma di soggetti umani, inclusi anziani, bambini ed adulti di Paesi in via di sviluppo, pazienti affetti da HIV, pazienti con disordini alimentari, ed adulti sani.

Antiossidanti e Funzione Immunitaria

Le cellule immunitarie possono venire danneggiate dall'esposizione all'Ossigeno - un processo denominato ossidazione - che produce dei composti altamente nocivi denominati radicali liberi. Un apporto adeguato di antiossidanti come le Vitamine A ed E, e di vari fitochimici, può aiutare a prevenire questi danni [5]. L'equilibrio tra antiossidanti e ossidanti (composti responsabili del danno ossidativo) nella dieta è importante per la funzione delle cellule immunitarie [6]. Vari Studi hanno rilevato come diete ricche in sostanze nutritive dotate di proprietà antiossidantì siano correlate ad una ridotta incidenza di cancro. Tale legame può dipendere in parte dalla spinta immunitaria riferibile agli antiossidanti.

Nutrizione ed ImmunitÓ nell'Anziano

La necessità di un introito ottimale di nutrienti ed antiossidanti per mantenere sano il Sistema Immunitario è in particolar modo importante negli anziani [6-11]. L'immunodeficienza associata alla senescenza (talora denominata immunosenescenza) è in parte responsabile dei problemi della vecchiaia. In particolare, alcuni soggetti sviluppano un calo del numero di cellule-T. Le persone anziane sono più soggette a molte infezioni, malattie autoimmunitarie e cancro, rispetto ai giovani adulti. La formazione di radicali liberi aumenta nella vecchiaia e contribuisce, almeno in parte, a questo fenomeno.

Diete vegetariane e Sistema Immunitario:
spazio per miglioramenti?

E' sorprendente che gli Studi non abbiano trovato una miglior immunità tra i vegetariani, nonostante il loro più elevato introito di antiossidanti e forse di altri importanti composti. E' possibile che alcune diete vegetariane siano carenti di fattori importanti per una corretta funzionalità del Sistema Immunitario? La risposta potrebbe essere "sì".

Paragonati agli onnivori, i vegetariani tendono ad avere minori introiti di Zinco, Vitamina B12, ed acidi grassi omega-3, tutti elementi importanti per l'integrità del Sistema Immunitario.

In uno Studio, supplementi di Vitamina B12 aumentavano l'attività delle cellule killer naturali nelle persone affette da carenza di Vitamina B12 [25]. Naturalmente, la carenza di Vitamina B12 è rara persino tra i vegani, ma sia i vegani che i latto-ovo-vegetariani tendono ad avere livelli plasmatici di Vitamina B12 più bassi, rispetto agli onnivori. Negli anziani, può essere necessaria un'integrazione di Vitamina B12 per mantenerne livelli ematici normali. Non è chiaro se livelli bassi ma ancora normali di Vitamina B12 compromettano l'immunità.

I vegetariani hanno anche introiti di Zinco inferiori a quelli degli onnivori, sebbene i loro livelli ematici siano simili [26]. Ad ogni modo, i livelli sierici di Zinco possono non essere i migliori indicatori dello status (dello Zinco dell'organismo, NdT). In uno Studio su soggetti anziani condotto a Roma, venivano loro somministrati supplementi a base di Zinco, Zinco più Vitamina A, o placebo. L'immunità cellulo-mediata era più valida nei soggetti ai quali erano stati somministrati solamente supplementi a base di Zinco [26].

Infine, a causa dei loro effetti su composti ormono-simili, le prostaglandine, e su regolatori della funzionalità cellulare, le citochine, gli acidi grassi omega-3 possono migliorate l'immunità [28]. Le diete vegetariane sono spesso carenti in acidi grassi omega-3.

Conclusioni: una dieta vegetariana, grazie al suo elevato contenuto di antiossidanti e forse grazie all'assunzione di cibi come la soia, può offrire dei benefici sulla funzionalità del Sistema Immunitario. Ma molti vegetariani possono dover modificare la loro dieta per renderla più sana possibile. Per migliorare il vostro Sistema Immunitario, assicuratevi di assumere molti cibi ricchi di Zinco, e di includere ogni giorno delle fonti di acidi grassi omega-3 nella vostra dieta. Inoltre, i vegani, e anche forse i latto-ovo-vegetariani, dovrebbero assicurarsi di assumere adeguate dosi giornaliere di Vitamina B12.

-Gli Editori

Due Studi hanno dimostrato che un'integrazione giornaliera con basse-moderate dosi di alcuni nutrienti migliora la funzionalità immunitaria negli individui anziani sani [12, 13]. Integrazioni a lungo termine con beta-carotene (50 mg a giorni alterni per 10-12 anni) sono risultate correlate ad una migliorata attività delle cellule killer naturali in anziani sani di sesso maschile [11]. Supplementi a base di Vitamina E sono risultati strettamente associati ad un miglioramento della funzionalità immunitaria in soggetti anziani anche quando questi presentavano un normale status di Vitamina E [7, 14]. Studi condotti su animali e sull'uomo indicano che la Vitamina E gioca un ruolo importante nel mantenimento della funzionalità del Sistema Immunitario. Anche una deficienza non rilevante di Vitamina E indebolirebbe la risposta immunitaria, mentre un'integrazione con dosi superiori a quelle raccomandate la migliorerebbe. La RDA corrente per la Vitamina E può non essere sufficiente a mantenere una ottimale funzionalità del Sistema Immunitario in indivudui anziani.

I vegetariani hanno una immunitÓ migliore?

Molto pochi sono gli Studi che hanno messo a confronto la funzionalità immunitaria nei vegetariani con quella dei non-vegetariani. Uno Studio su 22 vegetariani e 22 non-vegetariani non ha riscontrato differenze nell'attività delle cellule killer naturali [17]. Similmente, in uno Studio su otto atleti maschi che consumavano una dieta latto-ovo-vegetariana o ad elevato contenuto di carne, non sono state riscontrate differenze nell'attività delle cellule killer naturali o nella funzionalità delle cellule-T [18]. In uno Studio su 80 donne con abitudini alimentari differenti, non è stata evidenziata alcuna correlazione tra introito di prodotti animali ed immunità [19]. Nemmeno uno Studio recente della Loma Linda University, che ha confrontato 25 vegani con 20 non-vegetariani ha rilevato alcuna differenza nella funzione delle cellule killer naturali e delle cellule-T [20].

Questi dati sono sorprendenti, dal momento che gli Studi dimostrano un legame tra costituenti delle piante come gli antiossidanti -che sono più elevati nelle diete vegetariane- e funzionalità immunitaria. Paragonati ai non-vegetariani, i vegetariani hanno tipicamente un introito maggiore di frutta e verdura, sostanze nutritive con proprietà antiossidanti, e fitochimici, tutti ugualmente importanti per un adeguato funzionamento del Sisitema Immunitario. I vegetariani assumono inoltre più prodotti a base di soia, che possono avere effetti positivi sull'immunità. Sebbene i risultati siano attualmente solo speculativi, gli isoflavoni della soia hanno dimostrato in Studi di laboratorio di possedere la capacità di stimolare l'attività delle cellule killer naturali [21, 22]. Nei topi, l'isoflavone denominato daidzeina ha dimostrato di essere in grado di migliorare l'immunità cellulo-mediata [23].

I vegetariani hanno anche un introito maggiore di fitosteroli (steroli di origine vegetale), che possono pure migliorare la funzionalità immunitaria [24]. Infine, i vegetariani hanno livelli più bassi di certi composti come il Ferro che potrebbe agire come pro-ossidante.

Molte sono le possibili spiegazioni della mancanza di dimostrati benefici da parte della dieta vegetariana. I soggetti studiati sinora sono stati individui aduti di età giovane-intermedia, ma i benefici sul Sistema Immunitario da parte di una dieta a base di alimenti vegetali potrebbero emergere solamente durante lo stress dell'età anziana. Sebbene si tratti di una teoria ancora controversa, alcuni immunologi della nutrizione sostengono che sia necessaria un'integrazione di nutrienti in eccesso rispetto a quelli che si possono ottenere dalla dieta, per ottimizzare la funzionalità immunitaria, specialmente in età anziana [9, 10, 14]. Comunque, tale raccomandazione attende i risultati di molti Studi in corso, riguardanti l'efficacia e la sicurezza dei supplementi nutrizionali. Sussistono potenziali problemi per la salute associati ad assunzioni molto elevate di alcune Vitamine e minerali, e gli eccessi alimentari di un nutriente possono avere un effetto negativo sull'assorbimento e l'utilizzazione di un altro nutriente.

I dati attualmente disponibili suggeriscono fortemente che i vegetariani anziani che abbiano consumato una vasta gamma di vegetali per la maggior parte della loro vita dovrebbero possedere una funzionalità immunitaria migliore, rispetto ai non-vegetariani. Al momento sono auspicabili ulteriori ricerche atte a valutare la funzionalità immunitaria nei soggetti anziani vegetariani e non-vegetariani.


References

  1. Word J Surg 1999;23 :536-44.
  2. Chandra RK 1990 McCollum Award lecture. Nutrition and immunity: lessons from the past and new insights into the future, Am J Clin Nutr 1991 May;53(5):1087-101.
  3. Sakamoto M, Fujisawa Y, Nishioka K Physiologic role of the complement system in host defense, disease, and malnutrition, Nutrition 1998 Apr;14(4):391-8.
  4. Marcos A The immune system in eating disorders: an overview, Nutrition 1997 Oct;13(10):853-62.
  5. Hughes DA Effects of dietary antioxidants on the immune function of middle-aged adults, Proc Nutr Soc 1999 Feb;58(1):79-84.
  6. Meydani SN, Santos MS, Wu D, Hayek MG Antioxidant modulation of cytokines and their biologic function in the aged, Z Ernahrungswiss 1998;37 Suppl 1:35-42.
  7. Beharka A, Redican S, Leka L, Meydani SN Vitamin E status and immune function, Methods Enzymol 1997;282:247-63.
  8. Castaneda C, Charnley JM, Evans WJ, Crim MC Elderly women accommodate to a low-protein diet with losses of body cell mass, muscle function, and immune response, Am J Clin Nutr 1995 Jul;62(1):30-9.
  9. Bogden JD, Oleske JM, Munves EM, Lavenhar MA, Bruening KS, Kemp FW, Holding KJ, Denny TN, Louria DB Zinc and immunocompetence in the elderly: baseline data on zinc nutriture and immunity in unsupplemented subjects, Am J Clin Nutr 1987 Jul;46(1):101-9.
  10. Meydani SN, Wu D, Santos MS, Hayek MG Antioxidants and immune response in aged persons: overview of present evidence, Am J Clin Nutr 1995 Dec;62(6 Suppl):1462S-1476S.
  11. Santos MS, Gaziano JM, Leka LS, Beharka AA, Hennekens CH, Meydani SN Beta-carotene-induced enhancement of natural killer cell activity in elderly men: an investigation of the role of cytokines, Am J Clin Nutr 1998 Jul;68(1):164-70.
  12. Chandra RK Effect of vitamin and trace-element supplementation on immune responses and infection in elderly subjects, Lancet 1992 Nov 7;340(8828):1124-7.
  13. Bogden JD, Bendich A, Kemp FW, Bruening KS, Shurnick JH, Denny T, Baker H, Louria DB Daily micronutrient supplements enhance delayed-hypersensitivity skin test responses in older people, Am J Clin Nutr 1994 Sep;60(3):437-47.
  14. Meydani SN, Barklund MP, Liu S, Meydani M, Miller RA, Cannon JG, Morrow FD, Rocklin R, Blumberg JB Vitamin E supplementation enhances cell-mediated immunity in healthy elderly subjects, Am J Clin Nutr 1990 Sep;52(3):557-63.
  15. Keithley JK, Swanson B Minimizing HIV/AIDS malnutrition, Medsurg Nurs 1998 Oct;7(5):256-67; quiz 268-9.
  16. Baum MK, Shor-Posner G Micronutrient status in relationship to mortality in HIV-1 disease, Nutr Rev 1998 Jan;56(1 Pt 2):S135-9.
  17. Malter M, Schriever G, Eilber U Natural killer cells, vitamins, and other blood components of vegetarian and omnivorous men, Nutr Cancer 1989;12(3):271-8.
  18. Richter EA, Kiens B, Raben A, Tvede N, Pedersen BK Immune parameters in male atheletes after a lacto-ovo vegetarian diet and a mixed Western diet, Med Sci Sports Exerc 1991 May;23(5):517-21.
  19. Veg Nutr Int J 1997;1:5-11.
  20. Haddad EH, Berk LS, Kettering JD, Hubbard RW, Peters WR Dietary intake and biochemical, hematologic, and immune status of vegans compared with nonvegetarians, Am J Clin Nutr 1999 Sep;70(3 Suppl):586S-593S.
  21. Wang W, Higuchi CM, Zhang R Individual and combinatory effects of soy isoflavones on the in vitro potentiation of lymphocyte activation, Nutr Cancer 1997;29(1):29-34.
  22. Zhang Y, Song TT, Cunnick JE, Murphy PA, Hendrich S Daidzein and genistein glucuronides in vitro are weakly estrogenic and activate human natural killer cells at nutritionally relevant concentrations, J Nutr 1999 Feb;129(2):399-405.
  23. Zhang R, Li Y, Wang W Enhancement of immune function in mice fed high doses of soy daidzein, Nutr Cancer 1997;29(1):24-8.
  24. Bouic PJ, Lamprecht JH Plant sterols and sterolins: a review of their immune-modulating properties, Altern Med Rev 1999 Jun;4(3):170-7.
  25. Tamura J, Kubota K, Murakami H, Sawamura M, Matsushima T, Tamura T, Saitoh T, Kurabayshi H, Naruse T Immunomodulation by vitamin B12: augmentation of CD8+ T lymphocytes and natural killer (NK) cell activity in vitamin B12-deficient patients by methyl-B12 treatment, Clin Exp Immunol 1999 Apr;116(1):28-32.
  26. Alexander D, Ball MJ, Mann J Nutrient intake and haematological status of vegetarians and age-sex matched omnivores, Eur J Clin Nutr 1994 Aug;48(8):538-46.
  27. Am J Geriat Soc 1999;46:19.
  28. Harbige LS Dietary n-6 and n-3 fatty acids in immunity and autoimmune disease, Proc Nutr Soc 1998 Nov;57(4):555-62.



Published Online: 5 Feb 2001 -- Copyright © by SSNV / All rights reserved.

I contenuti di questa pagina web non hanno lo scopo di fornire consigli medici individuali. Tutte le prescrizioni mediche vanno richieste direttamente a professionisti qualificati.